Muggiò : Una amministrazione stile medioevo

Se siete d’accordo nel dire che un comune appartiene ai cittadini che lo abitano
e non a coloro che lo amministrano, ebbene……di sicuro allora
“NON SIETE I BENVENUTI A MUGGIÒ”.

L’ attuale amministrazione infatti, non dà alcuna soddisfazione alle richieste/consigli
dei cittadini che, se propongono delle migliorie vengono sistematicamente
ignorate per poi essere presentate in questa specie di FEUDO come prerogative geniali
partorite dal Comune.

E’ un peccato che, come cittadini, chi ci amministra, non ammetta alcun tipo di ingerenza impedendoci di creare un senso di partecipazione collettiva ed attiva.

Manca la soddisfazione di un coinvolgimento per quei cittadini propositivi che mostrano voglia di veder apportate piccole migliorie con quelle scarse risorse disponibili presenti.

Viene spesso il desiderio di non distribuire più le nostre perle………
oppure di andarle a distribuire in un Comune che abbia un minimo di riconoscenza.

Spiace constatare che altre amministrazioni sono piu’ avanti !

Nulla va inventato dai nostri geniali pensatori privi di fantasia…..
Basta copiare quello che i molti comuni virtuosi  hanno gia’ fatto !

Lo notiamo facilmente allorquando, pensando a qualcosa per Muggio’ , troviamo  in rete che tali iniziative hanno gia’ trovato accoglimento e realizzazione altrove.

Non capiamo davvero come si voglia creare un senso di appartenenza se qui sono capaci solo ad autocelebrarsi
(alcune volte anche vergognosamente. alleghiamo alcuni post che dovrebbero portare il lettore a delle serie considerazioni)

MEDITATE GENTE !

Alcuni esempi:

Noi del M5S ne abbiamo una lunga serie di proposte sia bocciate che approvate,
ma la cosa che NON FA AFFATTO PIACERE è che, realizzano quello che ci bocciano
mentre le mozioni approvate,o vengono realizzate in tempi biblici oppure apportate
mentre i giornali le pubblicizzano come intuizioni sfornate un bel mattino di sana pianta con grande boria ed enfasi da parte di chi ci amministra.

Prendiamo ad esempio il progetto
“CONTROLLO DEL VICINATO”.
Possiamo dire che lo abbiamo spinto da tempo immemore a questa amministrazione basandoci su quello che vedevamo realizzato sempre piu’ nei comuni a noi confinanti.

Un progetto praticamente a COSTO ZERO e molto “a carico dei cittadini” che si adoperano per dare un contributo alle forze dell’ordine laddove, come in questa realtà Comunale, ci sono parecchie

VIDEOCAMERE di SORVEGLIANZA che NON FUNZIONANO !

Possiamo dire, che noi cittadini, ce la siamo cantata e cucinata tutta da soli.
Cosa ci ha messo come valore aggiunto questa amministrazione finora?

Semplicemente l’autorizzazione…….stile benedizione Pontificia!

Stiamo aspettando ancora quei cartelli tanto attesi e promessi che danno sia un po’
di SODDISFAZIONE e sia un SENSO al PROGETTO.

Senza contare quello che invece viene fatto in altri comuni dove si organizzano
coi referenti (DISPONIBILI GRATUITAMENTE), riunioni formative per gli aderenti
sull’uso dello strumento CHAT e le modalità di segnalazione.

Noi riteniamo che questo “modus operandi” qui’ a Muggio’ sia una sorta di “DISPETTO”…. perche’ anche copiare malamente iniziative di altri, non va fatto cosi’:
“Con una scarpa ed una ciabatta !”

Si pensi che anche gli adesivi da apporre ai portoni delle nostre abitazioni
costati pochi euro, sono stati a carico di noi referenti dei gruppi CDV,
in attesa che fossero posti nelle strade interessate, gli appositi cartelli.
MESSA IN SICUREZZA DELLA VIA XXV APRILE:

Dal 2008 c’era un Piano Urbano del Traffico con un progetto fatto da ingegneri e costato, solo per lo studio sulla carta, circa 65.000 Euro.

Quanto abbiamo battuto su questo chiodo, vedendo i disabili percorrere questa strada
sulla carreggiata per raggiungere il centro disabili vicino!?

Durante le discussioni avvenute in varie occasioni con l’Assessore responsabile, venivamo sempre liquidati con la frase:
“NON SI PUO’ FARE NULLA” perché ,a suo dire, era impossibile cambiare l’assetto della strada.

Altra versione fu invece data in Consiglio Comunale dove, si vede che la annosa situazione venne successivamente e finalmente rivalutata (trascorsi 10 anni).

Non sappiamo se l’assessore è anche un ingegnere ma, tali affermazioni date non si sa a quale titolo, sembravano tacciare di INCOMPETENZA gli ingegneri che fecero a suo tempo quello studio.

Ma non solo questo, adesso sui social addirittura si dice che il progetto lo stanno realizzando con costi nettamente inferiori di quelli previsti a suo tempo:
dal progetto iniziale di 70.000 siamo passati ad una realizzazione con 9000 euro?
Ma c’e’ un rapporto di 1/8 come e’ possibile?
Ma allora con i soldi risparmiati si possono sistemare altre 7 situazioni analoghe !!!??

Per quanto tempo abbiamo dovuto sopportare una situazione di scarsa sicurezza ?

E’ pazzesco !!!! Perché allora non ci si e’ mossi prima ?

UN PARTICOLARE NON DA POCO CHE CI SFUGGE:

Ma il progetto di 70.000 euro per cosa era? IL TRAFORO SOTTO LA MANICA?

E poi chiediamoci: se c’erano i 70.000 a bilancio lo si faceva a quella cifra?

DOMANDE CHE ASPIRANO A RISPOSTE MOLTO CONVINCENTI.

Forse l’unico che ha convenuto della disastrosa situazione di questa strada che possiamo ringraziare per questo, e’ stato il comandante Beccalli.
Sicuramente ci ha messo una voce a sostegno ed ha convenuto con noi che quella strada era in una situazione vergognosa.

Grazie comandante……sappiamo di avere almeno un interlocutore obiettivo ed affidabile.

P.s.

La prima foto mostra cosa hanno scritto i giornali sulla proposta BOCCIATA relativa al problema marciapiedi di via XXV APRILE (Titolo oltretutto fuorviante che fa sembrare che questa iniziativa noi non la volevamo).

Questa voce è stata pubblicata in Altri Articoli. Contrassegna il permalink.